Legge Aprea. La scuola azienda eccola qua

Gli hanno cambiato nome ma la sostanza rimane la stessa. La rediviva legge Aprea di berlusconiana memoria – ora ddl 953inizierà la discussione alla camera martedì 11 settembre 2012. Questa legge prendeva il nome dall’ideatrice del suddetto disegno di legge, Valentina Aprea, deputato PDL del governo Berlusconi, nonché presidente della Commissione Cultura della Camera. Era l’anno 2008 e il disegno di legge scatenò un putiferio a tutti i livelli, creò dissensi addirittura all’interno del suo stesso partito tanto da far battere in ritirata la povera relatrice. Ma attenzione, il progetto fu solo messo in salamoia aspettanto tempi migliori che finalmente sono arrivati sotto il governo bipartisan dei professori.
Ora la signora Aprea non si occupa più della sua creatura perché, nel frattempo,
è diventata assessore all’Istruzione della regione Lombardia dove per un pelo non se ritrovata la sua legge già bell’errealizzata. E si perché la regione Lombardia è stata laboratorio e palestra dell’aziendalismo scolastico all’italiana tentando di anticipare quanto sarà servito prossimamente a quello che rimane della scuola “pubblica statale” nazionale.

Ma vediamo in sostanza cosa prevede questo ddl 953 ex legge Aprea e soprattutto chi sono i nuovi fautori.
La commissione che l’ha resuscitata cambiando alcuni dettagli irrilevanti ma sostanzialmente confermandone tutte le caratteristiche potenzialmente devastanti è la VII commissione Cultura della Camera tra cui impressiona la quantità di deputati PD, partito che nel 2008 si era ferocemente opposto a quel primo disegno di legge. C’è da dire per onesta che gli unici i quali si stanno battendo per contrastare questo disegno di legge sono i membri dell’Italia dei valori i quali, probabilmente, a differenza dei loro colleghi del PD, sono riusciti a non addormentarsi leggendo il testo della legge.

Ecco i membri della VII Commissione Cultura:

PRESIDENTE
GHIZZONI Manuela  – PARTITO DEMOCRATICO

VICEPRESIDENTI
FRASSINETTI Paola – POPOLO DELLA LIBERTA’
ZAZZERA Pierfelice – ITALIA DEI VALORI

SEGRETARI
CAPITANIO SANTOLINI Luisa – UNIONE DI CENTRO PER IL TERZO POLO
RIVOLTA Erica  – LEGA NORD PADANIA

ALTRI MEMBRI
BACHELET Giovanni Battista – PARTITO DEMOCRATICO
BARBARO Claudio – FUTURO E LIBERTA’ PER IL TERZO POLO
BARBIERI Emerenzio – POPOLO DELLA LIBERTA’
BELCASTRO Elio Vittorio – MISTO – NOI PER IL PARTITO DEL SUD LEGA SUD AUSONIA
CARLUCCI Gabriella – UNIONE DI CENTRO PER IL TERZO POLO
CARRA Enzo – UNIONE DI CENTRO PER IL TERZO POLO
CAVALLOTTO Davide – LEGA NORD PADANIA
CENTEMERO Elena – POPOLO DELLA LIBERTA’
COLUCCI Francesco – POPOLO DELLA LIBERTA’
COSCIA Maria – PARTITO DEMOCRATICO
CRIMI Rocco – POPOLO DELLA LIBERTA’
DE BIASI Emilia Grazia – PARTITO DEMOCRATICO
DE PASQUALE Rosa – PARTITO DEMOCRATICO
DE TORRE Maria Letizia – PARTITO DEMOCRATICO
DI CENTA Manuela – POPOLO DELLA LIBERTA’
GIANNI Pippo – POPOLO E TERRITORIO (NOI SUD-LIBERTA’ ED AUTONOMIA, POPOLARI D’ITALIA DOMANI-PID, MOVIMENTO DI RESPONSABILITA’ NAZIONALE-MRN, AZIONE POPOLARE, ALLEANZA DI CENTRO-ADC, DEMOCRAZIA CRISTIANA)
GIRO Francesco Maria – POPOLO DELLA LIBERTA’
GIULIETTI Giuseppe – GRUPPO MISTO
GOISIS Paola – LEGA NORD PADANIA
GRANATA Benedetto Fabio – FUTURO E LIBERTA’ PER IL TERZO POLO
GRIMOLDI Paolo – LEGA NORD PADANIA
LAINATI Giorgio – POPOLO DELLA LIBERTA’
LEVI Ricardo Franco – PARTITO DEMOCRATICO
LOLLI Giovanni – PARTITO DEMOCRATICO
LUNARDI Pietro – POPOLO DELLA LIBERTA’
MAZZARELLA Eugenio – PARTITO DEMOCRATICO
MAZZUCA Giancarlo – POPOLO DELLA LIBERTA’
MELANDRI Giovanna – PARTITO DEMOCRATICO
MURGIA Bruno – POPOLO DELLA LIBERTA’
PALMIERI Antonio- POPOLO DELLA LIBERTA’
PEPE Mario –  GUPPO MISTO – REPUBBLICANI-AZIONISTI
PES Caterina – PARTITO DEMOCRATICO
RAMPELLI Fabio – POPOLO DELLA LIBERTA’
ROSSA Sabina – PARTITO DEMOCRATICO
RUSSO Antonino – PARTITO DEMOCRATICO
SCALERA Giuseppe – POPOLO DELLA LIBERTA’
SIRAGUSA Alessandra – PARTITO DEMOCRATICO
e dulcis in fundo
TOCCI Walter – PARTITO DEMOCRATICO

Ma veniamo ai contenuti in sintesi del disegno di legge che si articola nei seguenti punti:

  • Autonomia statutaria delle scuole, ovvero ogni scuola potrà fare come gli pare in autonomia da qualsiasi direttiva nazionale. (sembra fatto apposta per compiacere la Lega ai suoi ultimi sussulti di vita).
  • I Consigli d’Istituto, o come si chiameranno, saranno aperti ai privati finanziatori. Con quale tornaconto? É la domanda che sorge spontanea. Come se non bastasse i privati potranno mettere bocca sui progetti formativi.
  • Ridimensionamento degli organi collegiali che non saranno soppressi ai quali, però, potrà essere permesso solo di “guardare e non toccare”.
  • Arruolamento per chiamata diretta degli insegnanti che, nell’accezione italica della cosa, già si sa come verrà gestita: un’immenso parco umano da lottizzare con figure professionali di dubbia qualifica, docili, acritiche e alla mercè di dirigenti scolastici oramai praticamente onnipotenti.
  • Creazione di un nuovo sistema di valutazione degli istituti che farà impallidire, affiancandolo, l’attuale INVALSI.

Questi sono in estremissima sintesi i punti cardine di quello che, alla chetichella, sarà uno stravolgimento epocale della scuola pubblica statale. Chi volesse approfondire può leggere QUI, QUI, QUI o QUI oppure potrà farlo rivolgendosi a Google.
Chi invece vorrà dare voce al dissenso potrà farlo 
al sit in di protesta martedi 11 settembre 2012 dalle 15.00 alle 18.00 in piazza Montecitorio a Roma.


One response to “Legge Aprea. La scuola azienda eccola qua

  • lucia

    a morte, la scuola laica e pubblica era stata condannata già 4 anni fa, dopo un ergastolo lungo un decennio. la legge aprea è il colpo alla nuca. lo stesso che precedeva l’essere gettato nella fossa comune. il nostro meraviglioso paese in bocca ai lupi. il futuro ruba le carte dal mazzo dei nostri desideri, dell’eguaglianza che fino ad oggi abbiamo creduto possibile.
    attonita insegnante precaria di ravenna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...