Archivi tag: anvur

La disumanizzazione dilaga nella scuola

Il prof. Settis colpisce ancora. Parla del sistema di valutazione della Ricerca Universitaria, ma il riferimento può essere esteso alla valutazione in campo universitario tutto. Ma se state leggendo questo articolo sul blog Genitore attivo o quello di Alerino.blog non avrete dubbi che tutto quanto dice e racconta il professore potrebbe benissimo riferirsi a quello che sta combinando l’INVALSI da venti anni nella scuola tutta.
Ma il ragionamento p estendersi a tutto ciò che avviene quando si intende ricorrere alla Valutazione Quantitativa applicata ai viventi. C’è da aggiungere che la faccenda si aggrava molto se si proclama e si pretende che tale valutazione sia oggettiva. Non parliamo poi del grado di perversione che si raggiunge quando, come fa l’INVALSI, vengono usati test standardizzati.
Vi sembrerà un ossimoro, una contraddizione, ma da venti anni l’INVALSI fa proprio questo. I suoi presidenti, direttori generali e di ricerca menano vanto di produrre una valutazione oggettiva usando prove standard.
Centinaia di volumi, migliaia di pagine, milioni di tabelle, miliardi di dati non ci dicono nulla, non ci parlano degli studenti che apprendono, non ci parlano degli insegnanti che insegnano, non ci parlano dei giovani e dei nostri figli. Ci parlano soltanto del livello di conformismo e di assoggettamento e di asfissia a cui hanno ridotto la scuola, gli studenti, gli insegnanti e il paese tutto.
In realtà documentano solo il livello si insipienza dell’Istituto, dei suoi promotori, fiancheggiatori e dei politici che lo foraggiano con decine Continua a leggere


Università: i problemi non sono i titoli di studio della ministra Fedeli

ANVUR (Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca)

Anvur RoarsL’Agenzia è un ente pubblico vigilato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), incaricato dei seguenti compiti: 1)• Valutazione esterna della qualità delle attività delle università e degli enti di ricerca pubblici e privati destinatari di finanziamenti pubblici; 2)• Indirizzo delle attività di valutazione demandate ai nuclei di valutazione interna degli atenei e degli enti di ricerca; 3)• Valutazione dell’efficienza e dell’efficacia dei programmi pubblici di finanziamento e di incentivazione alle attività di ricerca e di innovazione.

La “invalsizzazione” dell’intera vita formativa dei giovani, ed oltre, per quanto riguarda il segmento dell’Università e della Ricerca, ha come protagonista l’ANVUR che con l’INVALSI ha almeno due forti analogie.

La prima è che sono entrambi ispirati da una filosofia della valutazione esclusivamente “quantitativa” che riesce a mascherarsi, per i non addetti all’insegnamento ed alla ricerca, nella “quantificazione della qualità”. Una maschera difficile da stracciare soprattutto se non si riesce a sottrarsi al paradigma del Continua a leggere


Anvur, questi valutatori meritano di essere bocciati

di RAFFAELE SIMONE

Anvur, questi valutatori  meritano di essere bocciatiSi conclude a giorni il laborioso iter per la designazione di quattro nuovi membri del consiglio dell’Anvur, l’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema universitario e della Ricerca istituita nel 2010 presso il ministero dell’Istruzione. Certo, le posizioni di vertice in questo ente non sono note come quelle dell’Eni o della Rai, ma non va trascurato che l’Anvur è un ente potente.
Ha vaste attribuzioni, stabi lisce norme e criteri vincolanti e le sue decisioni in fluenzano direttamente il finanziamento e il funzionamento delle università. Inoltre, i componenti del consiglio sono compensati (chissà perché) come dirigenti di aziende medio-grandi: i membri 178.000 euro annui, il presidente 210.000, rispettivamente un po’ di meno e un po’ di più del doppio…
LEGGI TUTTO


Morto Giorgio Israel. Un combattente contro la stupidità

Morto il prof. Giorgio IsraelCon l’intervista che segue, tratta da Roars online, vorremmo ricordare Giorgio Israel come un alleato con il quale abbiamo condiviso tante battaglie contro la stupidità, l’arroganza e il dogmatismo. Battaglie testimoniate anche da alcuni brevi interventi che il professore ha rilasciato in passato al nostro blog.

«Un ente di valutazione deve essere una casa di vetro»

Intervista a Giorgio Israel, componente del comitato di selezione per la presidenza INVALSI

La designazione del nuovo Presidente Invalsi ha creato molte polemiche. Cosa ne pensa?

La designazione ne ha create meno di quante ne abbia create la costituzione del Comitato di selezione delle candidature a Presidente che è stata accolta da una raffica di articoli denigratori basati su un giudizio pregiudiziale dei suoi componenti, su un fuoco di sbarramento intensissimo con la parola d’ordine: «Non provatevi a cambiare direzione di un millimetro o crolla l’Italia». Sono usciti articoli, interviste, è stato promossa anche una raccolta di firme (che è stata un mezzo flop) sempre all’insegna del principio che qualsiasi discussione si dovesse fare sulla valutazione doveva servire a convincere gli incerti dell’assoluta bontà delle ricette finora seguite, che gli unici competenti a occuparsi di scuola sono gli statistici e gli economisti della scuola e gli altri si debbono allineare e basta. Il tentativo di intimidazione è giunto al punto di ricorrere a parole pesanti (“revenants”) e, se posso togliermi un sassolino dalla scarpa, trovo particolarmente vergognoso che sul sito dell’Adi si sia insinuato…

LEGGI TUTTO SU ROARS ONLINE


La recensione: GLI ASINI* n° 18

Speciale su: Valutazione e meritocrazia nella scuola e nella società

La rivista Gli Asini n° 18In 18 tra maestre/i delle elementari e dell’infanzia, professori delle superiori e universitari, ricercatori sociali e sociologi, animatori hanno scavato nella loro esperienza e nei loro saperi per dire qualcosa di sensato sull’argomento identificato dal titolo.

Venti interventi molto diversi Diversi ma anche convergenti e complementari.

Per non farla lunga parlerò, solo, di quelle/quei maestre/i, professoresse e professori che dell’INVALSI o ANVUR parlano poco o niente pur essendo rispettivamente Istituto e Agenzia punto di convergenza di tutti i testi.

Sono racconti, testimonianze, riflessioni sul loro lavoro, sulle loro esperienze che rendono visibile e quasi tangibile la loro esperienza quotidiana di “valutatori” nel corso della loro relazione educativa e di quanto la loro “valutazione” sia antagonista e incompatibile con “le prove oggettive e standardizzate” (non solo con le pecionate dell’Invalsi Continua a leggere


Sempre sul tema INVALSI nvitiamo tutti alla lettura di questo interessante articolo apparso su Sette del Corriere della Sera

Insegnati sotto inchiesta articolo di Massimo Gaggi


Non saranno i test Invalsi a salvare la scuola

Lettera aperta al ministro Carrozza

di Giorgio Israel – giovedì 2 maggio 2013

Gentile Ministro, in primo luogo molti auguri. Ne ha davvero bisogno chi si accinge a governare un ministero (doppio) che, di solito, non viene menzionato tra quelli pesanti ma che è, al contrario, uno dei più strategici e difficili. È strategico perché si parla continuamente della centralità dell’istruzione nella “società della conoscenza” e poi la si tratta come l’ultimo dei problemi, o la si considera in termini meramente economici e occupazionali. È difficile non solo per la congerie dei problemi che si sono accumulati in anni di uso strumentale dell’istituzione, come ammortizzatore sociale, bacino elettorale, terreno di sperimentazioni di Continua a leggere


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: